martedì , 26 settembre 2017
Ultimi articoli
Home » Notizie » Vuoi un mondo più pulito? Comincia dal sapone…

Vuoi un mondo più pulito? Comincia dal sapone…

1)Conservate la soda caustica al di fuori della portata di bambini o animali domestici.

2)La soda caustica è idrossido di sodio (simbolo chimico NaOH) formato dal legame ionico tra sodio, ossigeno e idrogeno. E' un materiale reagente e instabile; tende a combinarsi velocemente con i liquidi, compresa l'umidità dell'aria. E' altamente corrosivo e ustionante se viene a contatto con la pelle e le mucose.

3)Usate occhialini da piscina, guanti di gomma e una mascherina quando maneggiate la soda caustica, la miscela di acqua e soda oppure la miscela di grassi e soda.

4)Indossate i guanti quando maneggiate un sapone fatto da poche ore e continuate ad indossarli sino a quando un sapone fatto col metodo a freddo non abbia almeno due settimane di stagionatura.

5)Pesate la soda in contenitori usa&getta (tipo i bicchieri di plastica da picnic).

6)VERSATE LA SODA NELL'ACQUA E MAI VICEVERSA. Il liquido versato sulla soda provoca una specie di esplosione molto pericolosa.

7)La soda versata nel liquido lo fa aumentare di temperatura sino oltre gli 80 gradi. Usate contenitori resistenti al calore e fate attenzione.

8)Non usate gli utensili del sapone per altri scopi. Quando fate il sapone non lasciate che bambini o animali curiosi vengano in contatto con le miscele caustiche. Mettete i vostri familiari a conoscenza di queste regole.

9)Dedicate al sapone uno spazio tranquillo della vostra casa e del vostro tempo; non fate sapone mentre cucinate, mentre guardate la televisione o se in casa ci sono persone che ignorano le regole di sicurezza.

10)In caso di contatto accidentale del materiale caustico con la pelle, lavate con abbondante acqua corrente fredda; ricordate di tenere a portata di mano l'aceto che è un neutralizzatore naturale della soda. In caso di contatto con gli occhi lavate con abbondante acqua corrente e consultate un medico.

E adesso alcune informazioni base sugli ingredienti necessari per realizzare il sapone. Il processo di saponificazione  – cioè la reazione chimica che trasforma il grasso in sapone  – viene innescata dall'aggiunta della soda caustica, diluita in un liquido che può essere acqua distillata, latte intero di mucca o capra ma anche infusi. Il sapone può essere realizzato a freddo o a caldo. Il primo è il più adatto ai principianti. Il tempo di maturazione del sapone lavorato a freddo è di 4 settimane. Tanto occorre per il processo di trasformazione. Gli oli e i grassi costituiscono la materia prima del sapone, danno sostanza al sapone. Ciascun grasso trasferisce al sapone le proprie caratteristiche.

Uno degli oli più importanti è l'olio di cocco, si usa in combinazione con altri grassi sino ad un massimo del 25% in ciascuna realizzazione. E' ingrediente fondamentale per la schiuma, si solidifica sotto i 23 gradi. Altri oli e grassi: olio di oliva, olio di palma, olio di mandorle, olio di riso, cera d'api, cera candelilla… Nutrienti li possiamo utilizzare per rendere più bella la pelle e nei metodi a freddo possono costituire dal 3 al 10% della ricetta. Tra di essi: olio di semi di albicocca, olio avocado, olio di sesamo.

Coloranti naturali: se ne usano due cucchiaini per un chilo di grassi… Nel metodo a freddo si aggiungono al nastro: con la paprika si ottengono tonalità rosa, con lo zafferano gialle, con il curry crema e ocra gli oli essenziali (distillati a vapore) rappresentano l'identità odorosa di una pianta e costano una fortuna (se costano poco vuol dire che non sono buoni): la dose ideale per profumare un chilogrammo di sapone a freddo è ndi 35 ml e nel matodo a freddo si aggiungono al nastro. Ne segnaliamo alcuni: eucaliptus, menta, pino silvestre, sandalo, patchouli additivi naturali: vanno aggiunti al nastro prima di versare la miscela negli stampi. Se sono in polvere devono essere amalgamati con un cucchiaio di miscela di sapone prima di incorporarli per evitare la formazione di grumi.

Conservanti naturali: olio di rosmarino è considerato l'unico antiossidantenaturale per il sapone. Ne bastano  da 1 a 4 grammi per un chilo d'olio. Si possono usare per esempio semi di papavero o sesamo per saponi da massaggio, cospargendoli sulm fondo dello stampo o mescolandoli all'impasto. Oppure amido di riso o mais: ha effetto rinfrescante e se ne possono aggiungere un paio di cucchiaini, funge da fissatore per oli essenziali. Caolino (argilla) ha proprietà astringenti e lievemente abrasive, ne possono essere messe due cucchiaini per ogni chilo.

Utensili: bilancia elettronica, Per proteggersi da schizzi e vapori ci vogliono guanti, mascherina, occhiali. Occorrono poi cucchiai e spatole in plastica dura e resistente al calore, pentola di acciaio inox per scaldare oli e per preparare la miscela di sapone (non riempirre mai più della metà), caraffa graduata (resistente ad alte temperature), misurini (un cucchiaino, un cucchiaio, una tazza, mezza tazza), termometri (misura fino oltre 100 gradi) vecchie coperte (per isolare il sapone nelle prime 24 ore), frullatore ad immersione (per mescolare miscela di grassi e soluzione caustica), contenitori usa&getta per pesare la soda.

Stampi: evitre vetro, alluminio, ceramica, ungete le forme prima di versare il sapone. La ricetta consigliata dal sito www.ilmiosapone.it

Accorgimenti essenziali:pesare con estrema precisione gli ingredienti, fare attenzione alla temperatura della miscela caustica e dei grassi quando vengono miscelati, isolare il sapone appena fatto.

Leggi anche

Contest per disegnatori su sceneggiature di Marco Rincione

CONTEST  SHOWER SHOW – Novembre 2016 Il contest per disegnatori Shower Show è nato da …

Lascia un commento

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi