mercoledì , 16 agosto 2017
Ultimi articoli
Home » headline » Virus dns changer: come scoprire se il pc è infetto ‎

Virus dns changer: come scoprire se il pc è infetto ‎

C’è attesa e preoccupazione nel mondo della sicurezza informatica per il virus DNSChanger, che il 9 luglio di quest’anno potrebbe esplodere come una vera e propria bomba ad orologeria, provocando la caduta della connessione internet per decine di migliaia di computer in tutto il mondo.

La dinamica del pericolo – Il virus DNSChanger è un malware ormai in circolazione da diversi anni che ha una caratteristica che lo rende particolarmente temibile: una volta installato sul sistema è in grado di dirottare il computer dai normali server DNS, potenti computer che traducono il nome dominio (Es. www.alground.com) in un numero per permettere all’utente di raggiungere esattamente il sito che sta cercando, a dei server che svolgono la stessa funzione ma di proprietà di criminali informatici.

Gli utenti non si accorgono di nulla, nei primi momenti, visto che la maggior parte dei siti è perfettamente funzionante, ma in modo del tutto inaspettato, il computer viene improvvisamente redirezionato ad altri domini che scaricano ulteriore malware e rubano dati preziosi. La rete di computer infetti, o botnet, ha rapidamente assunto proporzioni globali: non è sbagliato dire che un impressionante numero di computer navigava, a sua insaputa, in una internet fittizia, gestita dai criminali.

La minaccia viene lanciata dalle principali case antivirus e l’FBI americano inizia un accurato lavoro per individuare i server gestiti dai criminali, che vengono chiusi uno ad uno, sgominando di fatto una delle più grandi botnet di tutti i tempi: gli utenti vengono così “liberati” e redirezionati a dei nuovi server DNS , stavolta di proprietà del Governo americano e perfettamente sicuri.

Il pericolo principale è stato debellato, ma gli utenti, senza avvertire ulteriori sintomi, hanno continuato a navigare senza eliminare il virus. E ora che il 9 luglio l’FBI dovrà chiudere la rete di server pulita che fino ad ora garantiva il normale accesso ad internet dei computer colpiti, il sistema operativo di questi utenti, con il virus ancora installato, punterà a dei server non più funzionanti. E questo porterà alla totale impossibilità di accedere al web.

La soluzione – I dati non sono rassicuranti: se sono gli Stati Uniti il primo paese ad essere colpito, è proprio l’Italia con i suoi 250mila computer infetti a trovarsi al secondo posto. Il virus, inoltre sembra aver infettato anche computer appartenenti a grandi aziende ed istituzioni, che potrebbero trovarsi senza accesso internet.

La soluzione consiste innanzitutto nel verificare la presenza del DNSChanger nel proprio computer. Per farlo è possibile non solo collegarsi semplicemente a Google o Facebook, che tramite un codice di riconoscimento, vi avviseranno della presenza del virus, ma anche utilizzare un tool fornito da Telecom Italia, DNS OK, che esegue una immediata diagnosi del sistema a cui affiancare DNSChanger.eu nel caso in cui aveste un provider diverso da Telecom.

 

fonte: http://www.alground.com

Leggi anche

Pasquetta con chi vuoi – La guida

Questo pezzo è contenuto nel libro I cuochi TV sono puttane di Adelmo Monachese, edito …

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi