martedì , 12 dicembre 2017
Ultimi articoli
Home » headline » Operazione Serial Kitchen – Montaratro

Operazione Serial Kitchen – Montaratro

Diario di un viaggio sperimentale, panoramico e ipercalorico.

di Luana Stramaglia

Venerdì 1 Agosto la terza tappa del viaggio: Montaratro.

Cominciamo dalla fine, una macchina allegra e chiacchiericcia torna verso Foggia alle due di notte: io, leggera, alla guida, Kanjano alticcio, Nonna Rosa, divertita, non vedeva l’ora di dire ai suoi nipoti di cercarla su Facebook e Sergio (che non è il nipote di nonna Rosa, sia chiaro!) distrutto. Grattare il tartufo sui piatti di troccoli alle fave, facendo attenzione che non fosse né troppo né troppo poco e che le scaglie pregiatissime non finissero miseramente sulla tavola, devo dire che è stato il compito più arduo della serata J.

Sergio e la signora Rosa sono stati bravissimi: a mettersi in gioco singolarmente –decidendo di partecipare alla serata -, ad impiattare davanti a decine persone sconosciute e sotto gli occhi attenti e benevoli del cuoco Luigi Nardella, ma, ancor di più, a fare squadra.

Sconosciuti fino al giorno prima, Sergio e nonna Rosa hanno passato il pomeriggio a raccontarsi la famiglia, gli amori, il lavoro e la cucina, ovviamente, in una narrazione autobiografica compiuta come una magia. Storie di baci, di stattatind la figura mitologica del fratello minore inviato in missione terzo incomodo durante le passeggiate dei fidanzati; commenti sulla libertà d’espressione amorosa dei nostri tempi (Martina, la nostra tirocinante si sarebbe commossa di fronte a questo laboratorio improvvisato sulla sessualità e l’amore). E, complice il cuoco che magistralmente ha saputo porre loro la sfida, quando è calato il sole, hanno indossato i grembiuli e lavorato insieme, fianco a fianco, per servire 31 affamati gnammer.

Date le innumerevoli differenze, elencherò solo le cose che Sergio e nonna Rosa hanno scoperto di avere in comune: avere entrambi parenti di cognome Fiore ed essere cuochi per necessità, Sergio per sfamare se stesso (e qualche bella donzella, aggiungo io) e Nonna Rosa per far crescere i suoi cinque uomini sani e belli. Ma questi due unici punti in comune – in realtà non abbiamo chiesto loro i segni zodiacali, di solito si parte da lì – non hanno impedito ai due cheffighi di far funzionare l’operazione.

La cucina che sviluppa solidarietà intergenerazionale, “nonni&nipoti”, due generazioni all’opposto che si ritrovano complici ai fornelli e il cuoco, Luigi in questo è stato fantastico, che mette in luce le loro risorse e potenzialità e coordina la cucina narrativa. L’Operazione Serial Kitchen doveva servire proprio a questo: realizzare piccoli esperimenti di cucina narrativa con i cuochi più bravi che la Capitanata potesse offrirci e che avessero voglia di giocare con noi.

Un grazie di cuore va a Luigi, ventottenne cuoco sanmarchese, che ha perso completamente l’accento ma, viaggiando, si è arricchito di qualcosa che farà molto bene a questa terra e all’impresa familiare a cui si è legato: lo spirito di collaborazione e la curiosità.

Chiara la lezione di Nonna Rosa, le fave vanno cucinate a fuoco dolce, sennò s‘ncrudliscn. Ottimo il suggerimento dello chef, unire alle fave un po’ di olio soffritto con cipolle, sedano e carote. E per concludere, viva le fave di Carpino, presidio Slow Food, che non vengono concimate perché arricchiscono il terreno di azoto.

 

P.S. (Prossima Storia): L’Operazione Serial Kitchen torna, dopo il ferragosto, il 22 a Sant’Agapito.

Luana Stramaglia ha ventisette anni, si è laureata in Scienze Politiche e specializzata in Europrogettazione e Svilupo Locale. Nel 2013 ha fondato, con la sorella Tania, l’impresa a finalità sociali Fork in progress: ristorazione narrativa che porta in cucina anziani e studenti dell’alberghiero per sviluppare solidarietà interegenerazionale.

L’Operazione Serial Kitchen è il gioco dell’estate di Fork in progress: sette show cooking, in sette ristoranti diversi della Capitanata, in cui sette coppie di nonno&nipote preparano sette piatti della tradizione che portano in tavola sette eccellenze del territorio.

 

Leggi anche

Pasquetta con chi vuoi – La guida

Questo pezzo è contenuto nel libro I cuochi TV sono puttane di Adelmo Monachese, edito …

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi