lunedì , 11 dicembre 2017
Ultimi articoli
Home » Cose che non fanno ridere » Lo cunto de li cunti della pensione

Lo cunto de li cunti della pensione

rottamatore

di Adelmo Monachese

Cinquecento dei nostri anni possono sembrarci una distanza siderale ma sono nulla, debole soffio di vento, rispetto all’eternità di Beautiful. Ce lo testimonia uno scritto ritrovato casualmente dall’addetto alle pulizie che stava risistemando un archivio del ministero dopo un depistaggio di routine. La storia è antica ma dal tono universale.

C’era una volta un regno al cui Re non interessava altro che giocare con i cinguettii del suo uccellino azzurro, Tuìt, così lo aveva chiamato, perché il suo verso gli sembrava suonasse proprio così. Il Re faceva “Tuìt! Tuìt! Tuìt!” in continuazione e non si curava della popolazione che soffriva la fame e la sete.

Così gli anziani del villaggio, coraggiosi e disperati, si recarono dalla Corte per chiedere una soluzione e l’ebbero. Con in mano la carta che dava loro ragione si misero in viaggio verso il palazzo reale. Superarono la barriera della Boschi fatata (così riporta la versione originale, bisogna tener presente che il testo è stato scritto in un passato antico quanto le famiglie che se la comandano nel nostro paese) e arrivarono al cospetto del Re Rottamatore.

La richiesta dei poveri maniscalchi, stallieri e vignaioli era d’avere il giusto sui tributi che avevano versato per tutta la vita in modo da non patire la fame o temere per il futuro della loro prole quando sarebbero stati troppo vecchi per lavorare; quando ebbe finito di sentire le loro parole il Re si infuriò e tuonò, anche se la sua voce non dava veramente l’idea di tuonare, forse è più opportuno dire che clacsonò: “Le scritture dicono all’uomo che si guadagnerà il pane col sudore della fronte, e chi sono io per contraddirle? Quindi io vi chiedo: può l’uomo sudare fino all’ultimo dei suoi giorni? Si, può! Allora potrà anche lavorare! Giacché se non smetterà mai di lavorare, l’ultimo dei suoi giorni arriverà magicamente prima!”. Quanta attualità negli antichi.

rottama2

 

Leggi anche

Pasquetta con chi vuoi – La guida

Questo pezzo è contenuto nel libro I cuochi TV sono puttane di Adelmo Monachese, edito …

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi