martedì , 12 dicembre 2017
Ultimi articoli
Home » Estate&Libri » Io, me e Allende

Io, me e Allende

moscaritolo

Ci sono i libri, e ci sono le persone. I primi li trovavamo in libreria o in biblioteca. Ora li troviamo in libreria, biblioteca, edicola, nei tabacchini, ai grandi magazzini, negli autogrill, nei bar fighi, alle bancarelle a 2 euro al pezzo non trattabili. Poi ci sono le persone, che sono, purtroppo, ovunque ma che spesso girano al largo dai posti dove i libri giacciono in attesa. E poi ci sono delle persone che fanno in modo di far incontrare questi due mondi tramite incontri, presentazioni e festival. E poi ancora ci sono delle persone chi si occupano di far alzare più persone possibile dalla poltrona per farle giungere ai Festival cercando di non sottostare al ricatto del “seguirà buffet”. Enza Moscaritolo è una di queste. Giornalista free lance e copywriter, ha iniziato a lavorare durante gli studi in Giurisprudenza, pensando inizialmente che fosse un hobby che, invece, si è trasformato nella professione che l’ha portata ad essere la Social Media Manager al Festival del Libro Possibile di Polignano a Mare, l’evento letterario più importante del Sud Italia giunto in splendida forma alla sua XIII edizione. Facciamoci spiegare socialmediamanagerialmente come si fa.

Spesso chi organizza festival ed eventi culturali poi lamenta la mancanza di tempo ed energie per usufruire di cultura da semplice appassionato. E’ così anche per te o riesci a ritagliarti i tuoi spazi?

Credo che lavorare ad un festival, o per eventi culturali in genere, sia anche un modo per conoscere le novità più significative, autori giovani ed emergenti, di nuove realtà. In un contesto come quello del Libro Possibile è stato per me lavoro e diletto allo stesso tempo.

Come è stato il Festival del Libro Possibile 2014?

Sicuramente quest’ultima edizione è stata tra le più seguite in assoluto. Vedere le piazze sempre piene, anche fino alle 2 di notte, e gli autori soddisfatti sono gran belle soddisfazioni, oltre all’attenzione dei media. E il Festival Il Libro Possibile è diventato l’evento più importante del Sud Italia nel suo settore. L’obiettivo, però, è di fare sempre meglio, di guardare avanti alla prossima edizione.

Quale è stato il più bel complimento ricevuto dai partecipanti al festival?

Gli autori restano sempre piacevolmente sorpresi e meravigliati dall’accoglienza che il Festival riserva loro e dal calore e dall’affetto del pubblico.

E la critica, se c’è stata, più frequente?

“Siamo in un posto meraviglioso, Polignano a Mare!”

Lo scrittore, o scrittrice, che sogni di portare al Festival?

Chiederei sicuramente alla direttrice Rosella Santoro di portare Isabel Allende.

Un consiglio di lettura per tutte le stagioni ma da non farsi mai mancare?

“Accabadora” di Michela Murgia. C’è tutto: magia, poesia, pathos, ritmo narrativo, la vita, l’amore e la morte.

Un autore o autrice di cui non perdersi nulla?

Naturalmente Isabel Allende. E per i patiti del giallo, Agatha Christie.

Un film che rivedresti all’infinito?

“La Finestra sul Cortile” di Alfred Hitchcock. Anche se conosco a memoria trama e inquadrature, c’è sempre qualcosa di nuovo da cogliere che sa regalarti qualche “sana” inquietudine.

Da lettrice come affronti l’Estate? Tempo di provare nuovi autori e generi, segui consigli altrui o ti affidi a ciò che già conosci per andare sul sicuro?

Come diceva il grande Massimo Troisi: “Io sono uno a leggere, loro sono milioni a scrivere, non li raggiungo mai!”. D’estate vorrei leggere di tutto e di più, ma il tempo non è sempre dalla mia parte. Giro sempre con un libro in borsa, utile per ingannare le lunghe attese. Non leggo libri appena usciti (se non per lavoro), mi piace farli decantare un po’.

Esistono, secondo te, libri che rendono meglio se letti d’Estate?

Non credo che ci sia un genere capace di rendere meglio d’estate o in un altro periodo dell’anno. Molto dipende dallo stato d’animo o dalla predisposizione. Quando stavo per laurearmi – ed avevo i nervi a fior di pelle, come penso tutti i laureandi – ho letto “Che pasticcio, Bridget Jones” di Helen Fielding perché avevo bisogno di staccare la spina con una lettura che potrebbe rientrare, secondo alcuni canoni, tra quelle estive. Ho riso di gusto come non facevo da tempo. Ho risposto?

Il lettore estivo di libri e/o riviste, quello che legge solo d’estate, è la rovina o la salvezza dell’editoria?

Meglio avere lettori, anche se solo per una stagione, che non averne! Magari l’abitudine ad avere un libro tra le mani durante le vacanze spinge a proseguire in questo modo anche durante il resto dell’anno, o quanto meno lo spero. Io provo a vedere il bicchiere sempre mezzo pieno.

I social media aiutano l’aumento dell’interesse per i libri? Ne fanno vendere di più?

Ogni strumento contiene in sé elementi più positivi di altri. Dipende dall’uso che se ne fa e dagli utenti che riesci a intercettare, come ad esempio i gruppi di lettori forti o circoli di lettura presso le biblioteche. Se gli utenti vengono stimolati attraverso i social network nella maniera giusta possono essere un’ottima cassa di risonanza per uno scrittore emergente o per un casa editrice che ottiene così una vetrina in più. Più che lo strumento in sé, credo sia importante la strategia, la consapevolezza dei contenuti, la tempistica giusta. Per il resto, funzionano come il passaparola, e stimolando la curiosità, qualche copia riescono a farla vendere certamente.

Occupandosi sempre di libri…non viene voglia di scriverne uno?

E chi lo sa? Mai dire mai…

moscaritolo2

Intervista a cura di Adelmo Monachese

 

Leggi anche

Pasquetta con chi vuoi – La guida

Questo pezzo è contenuto nel libro I cuochi TV sono puttane di Adelmo Monachese, edito …

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi