martedì , 12 dicembre 2017
Ultimi articoli
Home » Cose che non fanno ridere » Godzilla eroe del cinema italiano

Godzilla eroe del cinema italiano

godzillaofalo

di Adelmo Monachese

E’ uscito questa settimana nelle sale cinematografiche italiane ed è già campione d’incassi il nuovo capitolo di “Godzilla”, il kaiju (“mostro misterioso” della tradizione giapponese) a cui sono stati dedicati numerosi film a partire dal lontano 1945, anno in cui l’uso della bomba atomica ha, diciamo così, irradiato i giapponesi di molti spunti narrativi. Per questo capitolo sono state preparare parecchie novità, a partire dalla versione in 3D, ma una in particolare riguarda da vicino l’Italia. Questo reboot è direttamente ispirato dal libro di grande successo scritto dal maestro Andrea Camilleri e da quello che possiamo definire una giovane promessa mantenuta della letteratura italiana: Carlo Vanin. Mescolando le loro penne e i loro stili di scrittura hanno dato vita al bestseller “Montalbano contro Godzilla” pubblicato, come tutte le altre vicende del commissario più amato dai lettori italiani, da Sellerio Editore. Abbiamo chiesto a Carlo Vanin di parlarci di questa esperienza che lo ha catapultato in testa alle classifiche di vendita in libreria ed ora alla fama internazionale grazie alla versione cinematografica fortemente voluta dal regista britannico Gareth Edwards che è riuscito a coinvolgere la major cinematografica Warner Bros. nella produzione dopo aver lavorato alla sceneggiatura con lo stesso Vanin, che ci racconta: “È stato per me un grande onore scrivere assieme a un grande della letteratura italiana e del tabagismo. Altrettanto importante è stato lavorare con il regista per la scrittura cinematografica e ho trovato esaltante il lavoro sul set. Godzilla poi si è rivelato un vero professionista, al primo giorno di riprese conosceva già tutte le sua battute a memoria”.

La storia vedrà un Salvo Montalbano più disperato del solito sollevato dal suo ruolo al commissariato di Vigata. Non aiuterà il fatto che al suo posto verrà nominato commissario l’agente Catarella. Il destino, però, ci metterà lo zampino, anzi: lo zampone. Da una discarica illegale sull’Etna, orridi fumi pestiferi risvegliano un’antica creatura rimasta in letargo per millenni. In questo romanzo Montalbano dovrà affrontare le sue sfide più grandi: sopravvivere a Godzilla e sposarsi con l’ispettore capo Giuseppe Fazio.

Alcuni dei pareri più autorevoli sul libro e i loro autori:

“Quei due non fumano solo sigarette.”
Loredana Lipperini

“Perché?”
Claudio Magris

“Sono grato a Carlo Vanin, amico onanista. Inventa storie e crea mondi senza avere l’aria di chi si non sa che cavolo sta facendo.”
Roberto Saviano

“Ormai è più bravo di me.”
Fabio Volo

“Se vuole scrivere ancora deve chiedere il permesso a me.”
Genny la carogna

Leggi anche

Pasquetta con chi vuoi – La guida

Questo pezzo è contenuto nel libro I cuochi TV sono puttane di Adelmo Monachese, edito …

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi